Estetica.it

Beauty Routine 4.0: in valigia piastre e phon high tech

Beauty Routine 4.0: in valigia piastre e phon high tech

Con l’arrivo dell’estate, cresce la ricerca da parte delle donne italiane di strumenti tecnologici da portare in vacanza. Dagli spazzolini elettrici alle piastre dotate di display, la bellezza si fa 4.0.


Secondo l'Osservatorio di Pagomeno - personal shopper digitale di Schibsted Italy che compara prezzi e prodotti -  la ricerca di device beauty per prepararsi all’estate è cresciuta del 176% nel solo mese di giugno.

Se la preferenza assoluta è risultata essere quella per gli spazzolini elettrici (28%), per gli epilatori elettrici (22%) e per quelli a luce pulsata (16%), anche i capelli vogliono la loro parte.

Per chiome sempre perfetti anche al mare, non possono mancare in valigia piastre (17%) e asciugacapelli (16%) dotati dell’innovativa tecnologia a ioni, indispensabile per non stressare ulteriormente i capelli già debilitati dall’esposizione al sole e dalla salsedine. Per le piastre, diventa indispensabile la presenza del rivestimento in ceramica, importante per una migliore distribuzione del calore e per salvaguardare la salute del capello.

Tra i filtri che vanno per la maggiore secondo l’Osservatorio di Pagomeno, vi sono poi la ricerca di phon dotati di maggiore potenza e di piastre dotate di display. E se per i primi vince sempre il classico nero, per le piastre i colori preferiti sono argento, rosa e viola.

I brand più acquistati? ghd e Imetec per le piastre, Babyliss e Parlux per gli asciugacapelli, Remington per entrambe le categorie.

Tags: piastre phon estate 2018

Pubblicato il 30.07.2018

Scelti per te

A Tree of You by Davines: dal gioco alle piante reali

Per la tutela del patrimonio forestale, il brand lancia un e-game che diviene un gesto concreto: grazie alla partecipazione di tutti verranno piantati fino a 500 alberi.

Dialogo parrucchiere-cliente: attenti alla mimica!

Nel rapporto cliente-parrucchiere il linguaggio del corpo gioca un ruolo fondamentale. Sguardo diretto e rispetto della distanza sociale sono le prime regole della comunicazione non verbale. Ne abbiamo parlato con Roberto Acquaroli.