Estetica.it

Capelli post vacanze: quando non si può evitare un taglio drastico

Gianluca-grechi

Non sempre si riesce a dare alla chioma la giusta cura, dovendo per forza ricorrere a un cambio radicale di look. I consigli dell’hairstylist Gianluca Grechi e le tendenze (di taglio) del prossimo autunno.


Disidratati, spenti e sbiaditi. Opachi, con doppie punte e crespi. Nonostante i consigli per prendersi cura dei capelli durante l’estate, spesso, al ritorno dalle vacanze, non si può evitare un taglio drastico. Abbiamo chiesto all’hairstylist Gianluca Grechi, Direttore del salone Pucci Hairspace di Pisa e membro del Davines Artistic Team, di raccontarci qualcosa in più.

 “Solitamente alla fine dell’estate rifacciamo a ogni cliente una diagnosi, una consulenza completa, analizzando molto bene lo stato di salute di stelo e cute (nella cabina tricologica abbiamo una microcamera a ingrandimento). Il mio consiglio è quello di dedicare alla cliente 5 minuti di tempo in più, in modo da partire con una corretta diagnosi e riconoscere tutte le eventuali anomalie” spiega Gianluca Grechi.

Cosa proporre alla cliente al rientro dalle vacanze?

Se i capelli hanno bisogno di bere (idratazione) e mangiare (nutrimento), a fine estate hanno sicuramente più bisogno di bere. Proponiamo quindi alla cliente dei trattamenti che restituiscono al capello la capacità di trattenere l’acqua, come le maschere a base di melone giallo. Spesso d’estate leghiamo i capelli, li teniamo bagnati e umidi, bisogna quindi ridare loro elasticità. E poi ci sono gli effetti nocivi di sale e sole… I trattamenti che donano nutrimento, come per esempio la cheratina, li consigliamo in un secondo momento. Inoltre, i continui sbalzi climatici della scorsa estate hanno anticipato la caduta stagionale dei capelli, stiamo quindi già lavorando sull’anti-caduta con prodotti che rinforzano cute e stelo, che stimolano la crescita dei capelli e il microcircolo.

E per quanto riguarda taglio e colore?

Adoro il colore che si crea sui capelli dopo l’estate. Cerco quindi, il più possibile, di ravvivare i riflessi naturali che si sono formati. E di non eliminarli con un taglio eccessivo, proponendo una leggera ‘spuntatina’. Utilizzo prodotti tono su tono e riflessanti naturali, senza modificare l’altezza di tono. No a schiariture e scuriture.

Molte volte però, il capello è talmente danneggiato che non si può evitare un taglio drastico

In questi casi, ove possibile, propongo una media lunghezza, perché le tendenze capelli del prossimo autunno vedono un ritorno dei volumi e delle lunghezze. Sì a bob con perimetri pieni per dare l’idea di capello corposo e sano. No a sfilature e sfoltimenti.

E per chi deve, o vuole, optare per un taglio di capelli cortissimo?

Via libera al pixie con perimetri definiti e interni molto destrutturati. La tendenza generale, per qualsiasi tipologia di hairstyle, è quella di dare ai perimetri una bella definizione (forma piena) e di dare alla zona interna libertà di movimento, in modo da conferire al look un effetto naturale.

Quando l’unica alternativa è un taglio drastico?

  • Quando la piega non tiene più.
  • Quando il capello si asciuga troppo velocemente (c’è mancanza di acqua/idratazione).
  • Quando mettiamo sul palmo della mano una ciocca di capelli e vediamo che la quantità dei capelli diminuisce andando verso le punte.
  • Quando il capello risulta ruvido al tatto.
  • Quando vediamo che le cuticole sono molto sollevate, non solo sulle punte ma anche sullo stelo.

Tags: gianluca grechi intervista capelli lunghi capelli rovinati

Pubblicato il 04.09.2018

Scelti per te

I 25 look d’autunno: imperdibili

Le collezioni modacapelli autunno/inverno 2018/2019 portano una ventata di novità, indispensabile da conoscere per essere aggiornati in salone. 

Tendenze capelli autunno 2018: il ciuffo

Dalle catwalk parigine di Chanel, è chiaro il messaggio: il ciuffo rockabilly sarà uno dei must tra le tendenze capelli autunno 2018. 

Lascia un commento



Avvisami quando vengono pubblicati nuovi commenti


Digita le parole che vedi qui sotto: