I saloni? Punto d'ascolto per le donne vittime di violenza | estetica.it
Estetica.it

I saloni? Punto d’ascolto per le donne vittime di violenza

I saloni? Punto d'ascolto per le donne vittime di violenza

Un accordo firmato tra Regione Piemonte e Cna trasforma i parrucchieri in “sentinelle” antiviolenza. Il progetto è ancora in fieri ma sta già facendo parlare di sé tutto il mondo coiffure.


 Dopo Chicago Torino. In Piemonte è partito un progetto che trasformerà ogni salone in una sorta di punto d’ascolto. Qualche giorno fa, infatti, la Regione Piemonte e il Comitato di coordinamento delle Confederazioni artigiane Piemonte  - Confartigianato Imprese Piemonte, CNA Piemonte e CasArtigiani Piemonte – hanno presentato un protocollo per trasformare i parrucchieri ed estetisti piemontesi in ‘sentinelle’ a tutela delle donne vittime di violenza.

Immediata la notizia su carta stampata e quotidiani online e tante le telefonate arrivate in redazione per saperne di più. “In verità l'accordo è appena stato firmato – ha dichiarato Davide Padroni, responsabile Cna Benessere e Sanità Torino – Il progetto vero e proprio partirà indicativamente ad ottobre 2018”.

A livello internazionale ci sono già stati dei casi simili. A Chicago, i professionisti della bellezza sono stati coinvolti in corsi per riconoscere i segni di maltrattamenti sulle clienti e capire come intervenire. Da adesso, anche la Regione Piemonte organizzerà degli incontri con i Centri Antiviolenza: “Vogliamo fornire ai professionisti che vorranno partecipare – spiega l’assessora regionale ai Diritti civili, Monica Cerutti – nozioni utili a individuare eventuali segnali di difficoltà o per capire come comportarsi davanti a richieste di aiuto da parte delle vittime di violenza".

Appena possibile, ai parrucchieri ed estetisti sarà fornito del materiale informativo - sulle vetrine dei saloni compariranno, ad esempio, degli adesivi che segnaleranno l’adesione al progetto -  e sarà chiesto di impegnarsi in una sorta di ‘primo intervento’, informando e indirizzando le clienti verso i centri Antiviolenza più vicini.

Tutto il progetto verrà monitorato e periodicamente saranno elaborati dei report che verranno pubblicati sul sito della Regione. La Regione Piemonte è infatti la prima in Italia a sottoscrivere questo tipo di accordo ma, come ha sottolineato il responsabile nazionale di CNA Benessere e Sanità Filippo D’Andrea, “si punta a estendere l’iniziativa in tutte le altre regioni”. Estetica vi terrà informati.

Tags: violenza sulle donne iniziativa

Pubblicato il 26.06.2018

Scelti per te

Come il cibo può migliorare la salute dei capelli

I co-direttori alla Northern Hair Loss Clinic, Jessica Patrick e Hayley Jennings, ci svelano perché si è esattamente ciò che si mangia, anche in tema di capelli.  

Ricostruzione dei capelli fai da te

Tutto quello che c’è da sapere sulla ricostruzione dei capelli non solo in salone, ma anche a casa. Lo abbiamo chiesto a Vania Barbieri, Look & Vision Director Screen Professional Hair Care.

Lascia un commento



Avvisami quando vengono pubblicati nuovi commenti


Digita le parole che vedi qui sotto: