Ricostruzione dei capelli: cos’è e come funziona | estetica.it
Estetica.it

Ricostruzione dei capelli: cos’è e come funziona

Ricostruzione dei capelli: cos’è e come funziona - Screen Professional Hair Care

Le varie tipologie, a chi è consigliata e quando farla: abbiamo chiesto a Davide D'Ettorre, School Director Screen Professional Hair Care, di raccontarci tutto sull’argomento.


Ricostruzione dei capelli. Un termine sempre di più utilizzato nei saloni di acconciatura. Ma di cosa si tratta? Si parla in continuazione di bellezza naturale e di valorizzare la propria natura. Anche per quanto riguarda i capelli. E tutto parte dalla salute del capello.
Un capello sano fa rima con bello, luminoso, morbido al tatto e facile da pettinare. Lo stress, l’inquinamento e gli agenti atmosferici, ma anche i trattamenti chimici, l’avanzare dell’età e una dieta non equilibrata compromettono la salute del capello, che si spezza, diventa opaco e ruvido al tatto. Per restituirgli lucentezza e splendore, o anche solo per prevenirne la rottura, si ricorre alla ricostruzione dei capelli. Abbiamo chiesto a Davide D'Ettorre, School Director Screen Professional Hair Care, di raccontarci qualcosa in più.

Ricostruzione dei capelli: cos’è?

Si tratta di un trattamento più profondo rispetto a un condizionante normale per capelli. Serve a ricostruire la parte interna ed esterna del capello, e il risultato dura nel tempo. Spesso i conditioner e le maschere per capelli lavorano solo sulla parte superficiale del capello, mentre i trattamenti per la ricostruzione restituiscono al capello la cheratina di cui è composto.

In quali casi si deve fare?

Quando il capello si è rovinato e danneggiato, a causa di azioni meccaniche e fisiche (trattamenti chimici, styling non corretto, uso eccessivo di piastra e phon), agenti atmosferici e inquinanti (sole, salsedine, vento, cloro e smog), di uno stile di vita stressante e di un’alimentazione sbagliata. Spesso si fanno diete che escludono carboidrati, magnesio e zinco, tutti ingredienti fondamentali per la salute dei capelli. E poi, ovviamente, anche l’età influisce sul capello, che ha quindi bisogno di un supporto esterno.

In che momento e a chi è consigliata?

A tutti perché in un modo o in un altro la maggior parte delle donne ha i capelli rovinati, trattati o colorati... Le ragazze usano tanto la piastra, le signore hanno i capelli colorati o comunque i segni dell’età. Chi non ha i capelli trattati magari fa delle diete. Quando? Tutto l’anno! Per mantenere, ricostruire o prevenire la rottura.

Come funziona?

Per spiegare meglio il procedimento, vi racconto della Linea Repair di Screen Professional Hair Care, che ruota attorno al KT Complex, un concentrato di ben 20 diversi aminoacidi (gli stessi che compongono la cheratina del capello in natura). Le proteine a basso peso molecolare riescono a penetrare in profondità garantendo la ricostruzione ottimale della corteccia (parte più interna) mentre quelle ad alto peso molecolare riparano la cuticola (parte più esterna). La beauty routine, che si effettua in 15/20 minuti, si suddivide in 3 step:

  1. Stage 1: deterge e prepara.
  2. Stage 2: solleva le squame, penetra e ripara.
  3. Stage 3: ripara e sigilla.

Umljb3N0cnV6aW9uZSBkZWkgY2FwZWxsaTogY29z4oCZw6ggZSBjb21lIGZ1bnppb25hIC0gU2NyZWVuIFByb2Zlc3Npb25hbCBIYWlyIENhcmU=

Qual è il target?

Clienti che amano prendersi cura della salute dei propri capelli, non solo con trattamenti riparativi, ma anche preventivi. In salone possono richiedere il sistema per la ricostruzione dei capelli Repair di Screen Professional Hair Care in tre fasi. Ci sono persone che amano coccolarsi a casa, a cui proponiamo i tre step della ricostruzione. Per chi viaggia, c’è Discovery Kit. Completano la gamma, prodotti per il mantenimento a casa. Onestep Reconstructor, un lifting momentaneo, è dedicato al cliente che va sempre di fretta, ma non vuole privarsi della cura del capello. Per i capelli che non hanno corpo e controllo consigliamo lo spray senza risciacquo Instacare. Per chi vuole semplicemente districare o disciplinare il capello, lo spray Duocare. Per chi ha bisogno di dare corpo e nutrimento alla chioma, c’è la Nutricare Nourishing Mousse.

Questi prodotti sono adatti anche al mare e in piscina?

Assolutamente sì. Spesso le persone pensano che al mare bisogna lavarsi i capelli solo con l’acqua. Non c’è niente di più sbagliato perché l’acqua fa gonfiare le squame, rendendo i capelli ruvidi al tatto. Lo stesso discorso vale per chi va tutti i giorni in piscina. Il consiglio è di utilizzare lo shampoo Repair Stage 1, abbinato a Instacare o Duocare.

Quando evitare la ricostruzione dei capelli?

Subito dopo una colorazione perché il capello è stato trattato di recente e i due trattamenti andrebbero a sovrapporsi, mentre è assolutamente da fare dopo una decolorazione.

Prima e dopo: cosa succede in 30 giorni? 

Umljb3N0cnV6aW9uZSBkZWkgY2FwZWxsaTogY29z4oCZw6ggZSBjb21lIGZ1bnppb25hIC0gU2NyZWVuIFByb2Zlc3Npb25hbCBIYWlyIENhcmU=

I primi risultati si vedono da subito. Il capello è più lucido, corposo, elastico al tatto e morbido. Di volta in volta aumentano sempre di più la struttura e la lucentezza. L’efficacia del trattamento Repair è stata sottoposta a test clinici su panel statisticamente significativi.

Tags: screen professional hair care ricostruzione capello capelli danneggiati

Pubblicato il 09.10.2018

Scelti per te

6 sistemi infallibili per idratare i capelli danneggiati da mare e sole

SOS idratazione: non solo per la pelle, ma anche per i capelli. Ma come sensibilizzare la cliente in questa direzione? Lo abbiamo chiesto a Rocco Blasioli, Artistic Director Screen Professional Hair Care.

American Crew All-Star Challenge 2019: partecipa alla sfida

I migliori “groomer” e stilisti di tutto il mondo sono invitati a creare un look, completo di acconciatura e barba, che incarna l'estetica maschile e lo stile senza tempo che c’è dietro il marchio iconico American Crew, ma con un occhio rivolto verso il futuro dello styling. Le iscrizioni alla sfida sono aperte fino al 1 marzo 2019.

Dopo i Cotril Salons, arrivano i Cotril Center

Partito il primo dell’anno, il progetto ha preso ufficialmente il via il 21 gennaio con un incontro che ha visto partecipare i primi 50 aderenti.

Lascia un commento



Avvisami quando vengono pubblicati nuovi commenti


Digita le parole che vedi qui sotto: