Sfruttamento in salone | estetica.it
Estetica.it

Sfruttamento in salone

Sfruttamento in salone

Una parrucchiera di 31 anni sfruttata e costretta a restituire buona parte dello stipendio. È accaduto a Merano.


“Vorrei solo lavorare come parrucchiera. Mi basta che sia un lavoro onesto”.

Queste le parole di una giovane donna di Merano che ha vissuto – e continua a vivere – una situazione di degrado e sfruttamento in salone. Assunta con un contratto a tempo determinato (di 1 anno) come apprendista parrucchiera in un salone del centro di Merano, la donna è stata costretta – dietro minaccia di licenziamento - a restituire man mano il proprio stipendio fino ad arrivare a percepire una busta paga di 20 euro. Con un affitto da pagare, una figlia minorenne da mantenere e uno stato di salute precario alla giovane parrucchiere non è restato altro da fare che denunciare il titolare del salone per estorsione al commissariato di polizia, facendo anche ricorso alla Cisl.

Tags: sfruttamento lavoro denuncia stipendio

Pubblicato il 12.02.2019

Scelti per te

SoColor Cult revolution, le nuove proposte Matrix 2019

I colori vividi, che sono stati i protagonisti del trend 2018, sembra non vogliano essere spodestati. La loro crescita quest'anno nel mondo Haircolor è stata del 7,8%; parallelamente la visibilità di questo trend nel mondo dei Social Network è aumentata, con menzioni superiori al 40% rispetto all'anno precedente. 

Prestocombs, i pettini leader al mondo fatti a mano in India

Una tecnologia che li rende flessibili e sensibili alle variazioni di temperatura. Un materiale leggero, forte e durevole. I denti lavorati a mano che non danneggiano le cuticole. Shahzad L Qadir, proprietario di Presto Industries, ci ha raccontato qualcosa in più su questi pettini realizzati in India da oltre 40 anni.

Lascia un commento



Avvisami quando vengono pubblicati nuovi commenti


Digita le parole che vedi qui sotto: