Una ciocca rossa, una speranza... | estetica.it
Estetica.it

Una ciocca rossa, una speranza…

Nei Paesi economicamente avanzati la mortalità per Aids è quasi un’eccezione. Nel Sud del pianeta invece morire di Aids è una conseguenza inevitabile. Tutto questo è frutto della drammatica disuguaglianza in atto nel mondo per quanto attiene all’accesso alle cure e alla tutela della salute.

Se ne è parlato molto in occasione della Giornata Mondiale dell’Aids che è stata celebrata il 1° dicembre scorso.

Su questo fronte in perenne emergenza, segnaliamo l’iniziativa de L’Oréal Professionnel che nei suoi saloni partner ha promosso “Una ciocca rossa, una speranza”.

Due anni dopo aver ideato e lanciato il progetto “Hairdressers against Aids” con la collaborazione dell’Unesco, L’Oréal continua il suo impegno contro l’Aids con un’iniziativa nel beauty professionale che sta coinvolgendo i saloni italiani e le loro clienti.

L’operazione di solidarietà, che si concluderà il 31 gennaio, è rivolta a sostenere l’Amref nella lotta al terribile virus.

In concreto, si tratta di andare in un salone che aderisce al progetto e farsi fare una mèche rossa al prezzo simbolico di 2 euro. Al termine della campagna, che ha anche lo scopo di informare e sensibilizzare sul tema Aids, l’acconciatore verserà i fondi raccolti sul conto “Una Ciocca Rossa Una Speranza” di Amref Flying Doctors.

Da parte sua, L’Oréal Professionnel coprirà in toto il costo del prodotto utilizzato dall’acconciatore e verserà all’Amref una cifra pari a 7.500 ciocche.

L’iniziativa si va ad inserire nell’impegno che, come anticipavamo, L’Oréal porta avanti dal ’95 insieme con l’Unesco: un programma di informazione che coinvolge oltre 15 mila tra parrucchieri e studenti delle scuole professionali che collaborano con l’azienda.

Pubblicato il 12.12.2008

Lascia un commento



Avvisami quando vengono pubblicati nuovi commenti


Digita le parole che vedi qui sotto: