La storia dell'acconciatura dal Medioevo al Rinascimento | estetica.it
Estetica.it

La storia dell’acconciatura dal Medioevo al Rinascimento

Acconciature leggendarie: dal Medioevo al Rinascimento

Con la caduta dell’Impero Romano, l’Europa è stata governata dai poteri ecclesiastici, che hanno influenzato molto anche le acconciature dell’epoca. Fino al successivo Rinascimento.


Dal Medioevo

Ad esempio, i capelli lunghi e profumati venivano considerati molto sensuali. Ed è per questo che tra il IX e il X secolo, le donne nascosero i capelli sotto lunghi veli e rimossero frangia e sopracciglia per far credere di non avere capelli.

Anni dopo, la perdita di capelli di Isabella di Baviera, regina di Francia e moglie di Carlo VI di Valois, portò alla diffusione del “look hennin”: un grande cappuccio a forma di cono allungato, associato generalmente alle fate delle fiabe, perfetto per nascondere i capelli. Non solo: la parte della chioma che spuntava sulla fronte veniva rasata di modo da non lasciare intravedere i capelli,che potevano spuntare soltanto il un minuscolo triangolo in centro alla fronte. Questo copricapo ebbe parecchia fortuna in tutto il Nord Europa (Fiandre, Inghilterra, Paesi Bassi...), fino al periodo tardo gotico. Questa è anche l'epoca in cui Giovanna d’Arco introdusse il “coupe à l’écuelle”, conosciuto anche come “caracalla”, un taglio di capelli stile paggetto, realizzato mettendo sulla testa una pentola o una scodella e tagliando i capelli in eccesso.

E mentre le donne coprivano, tagliavano o acconciavano i capelli, gli uomini li portavano lunghi e ben in vista, in quanto erano un simbolo di virilità e di libertà, in contrasto con la tonsura da prete.

...Al Rinascimento

Con il Rinascimento, il culto della bellezza tornò in auge così come altri valori del periodo classico. Le acconciature rinascimentali, impreziosite da ornamenti, si ispiravano a quelle dipinte dai pittori italiani di quel tempo: Botticelli, Giotto, Mantegna, Tintoretto, Michelangelo, Raffaello e Leonardo. In auge non tornò solo il culto della bellezza, ma anche il mito della donna bionda, come già era stato in epoca greca e nell'Antica Roma. I poeti del 16° secolo descrivevano la donna ideale come un angelo biondo. E così le donne iniziarono a schiarirsi i capelli con le ceneri, il carbone, la calce, la liquirizia e il foglio di legno, oppure mettendosi al sole.

Per maggiori informazioni www.museumraffelpages.com

Tags: raffael pages acconciature leggendarie

Pubblicato il 11.07.2015

Acconciature leggendarie: dal Medioevo al Rinascimento

Il gioco di Maria Antonietta con le acconciature più in voga

Il gioco “Chutes and Ladders” mostra le acconciature più alla moda del leggendario parrucchiere Léonard che hanno deliziato le dame della corte francese nel ‘700.

La nascita della Haute Coiffure

Con le guerre di religione, durante l’Europa monarchica, verso il 17° secolo, il centro della coiffure si spostò dall’Italia alla Francia.

La storia di Marcel Grateau, inventore dell’arricciacapelli

L’inventore degli arricciacapelli che portano il suo nome, dettò la modacapelli del tardo XIX/inizio XX secolo conosciuta come: Marcel Wave o semplicemente Marcelling. 

Acconciature leggendarie. La parrucca del “Saddened Lord”

Una vera parrucca che risale al 1750 riposa su un’enigmatica testa di manichino fatta in Germania: The Saddened Lord. 

La Magia dei Pettini Antichi

Presente nella vita di tutti i giorni da migliaia di anni, il pettine ha da sempre avuto un ruolo importante nell’evoluzione dell’immagine di uomini e donne.

I barbieri nell’Antica Roma

I primi Barbieri in Sicilia furono introdotti nell’Antica Roma da Ticinio Menas, il primo rappresentante parrucchiere, intorno al 350 a.C.

Acconciature leggendarie. Caschi insoliti

Il ventesimo secolo ha visto la comparsa dei primi caschi per asciugare la chioma. Ecco i più bizzarri.

Lascia un commento



Avvisami quando vengono pubblicati nuovi commenti


Digita le parole che vedi qui sotto: